mercoledì 17 aprile 2013

God save the queen

Esultate sudditi perché questo sabato il bimbo che aspettavo è arrivato.
Per chi l'ha visto e per chi non c'era: si trattava del banale. 
Ecco una foto scattata poco dopo il parto:





Però vi ringrazio tanto per le congratulazioni, che non andranno sprecate perché prima o poi il bimbo tornerà a trovarci e vi rendero' di nuovo zii orgogliosi.
È doveroso un saluto ai bloggers che hanno assistito al parto. Non faccio l'elenco che non siamo a non è la rai, ma un bacio lo mando volentieri.

giovedì 11 aprile 2013

Scusate se ci ho messo tanto

Sedetevi che ho una notizia che potrebbe farvi rimanese un attimo di sasso.

Aspetto un bimbo.
Sono iper felice.

martedì 2 aprile 2013

Se amo Milano il merito è un po' anche tuo




Che voglia di piangere ho

Regolatevi


Cara atm, se avessi voluto che regnasse l’anarchia riguardo agli orari mi sarei trasferita a roma o a napoli dove ormai è universalmente accettato che i mezzi pubblici passano quando gli gira, sempre che passino...
Qui però siamo a Milano, siamo tutti controllori, siamo tutti precisi, abbiamo fretta, anche se è un giorno festivo, e non tolleriamo questo tipo di orari diciamo così “artistici”.
E non tirate fuori la storia del traffico che le scuole son chiuse e non c’è in giro un’anima in macchina.
Poche scuse.
Che non esiste al mondo che io ci metta meno tempo da orio alla stazione centrale che dalla stazione a casa che saranno due km scarsi.
Diamoci una mossa, che una volta uno è morto mentre aspettava.

Buoncuore

Vorrei davvero che venisse messo agli atti che ieri vi ho risparmiato l'agonia del pesce d'aprile.
Che non mi si venga più a dire che non ho un cuore.

giovedì 28 marzo 2013

Open space due - la vendetta

Il capo supremo ha appena messo a volume parecchio alto la nona sinfonia di beethoven.
L'inno alla gioia?
Mai colonna mi è sembrata meno indicata, meno indicata ad un pomeriggio di lavoro, in un ufficio dove non funziona il riscaldamento.
Questa atmosfera mi sa di preambolo ad una strage.

Gli open space

Ma chi cazzo li ha inventati?
A chi è venuto in mente di dire che aumentavano la produttività?
Non si capisce un cazzo, non ci si concentra, e per di più le mie orecchie sono costrette ad ascoltare robe tipo:
- ho un vortice nello stomaco (voleva essere voragine, immagino);
- l'archivio non è catalizzato (credo volesse dire catalogato);
- che stanchezza, dovrei rassettare il cervello (qui ho la certezza che volevi "resettare").
E tutto ciò in sole due ore.

Cioè io a sto tizio ideatore e promotore degli open space gli darei l'ergastolo.

Che suspance

L’altra mattina sono in metro mentre mi arriva questo messaggio what’s up:
ciao! Sto provando what’s up, come stai, ne approfitto per salutarti.
Niente firma.
Numero non in memoria.
Chi cazzo è?
Via subito col film:
potrebbe essere quel tizio figo che ho conosciuto l’anno scorso, finalmente si sarà lasciato con la morosa.
Oppure l’amico del fidanzato della mia amica che ha finalmente chiesto alla mia amica il mio numero.
Magari è un ex, forse ho capito chi, no no eh scollati subito.
Oppure quel tizio di twitter, no va beh impossibile, ma potrebbe anche aver fatto un miracolo.
Oh finalmente una novità! Mi stavo ammosciando.
Sono super curiosa.
Mi spremo fortissimamente le meningi e nel frattempo incrocio le dita “speriamo che sia qualcuno che mi va di sentire”.
Poi mi viene un dubbio.
Vado a controllare tra gli sms.
E trovo il numero!
Vediamo un po’ se dalla conversazione mi ricordo chi è...

Ah.
E’ Gegge.
 
Figurati se una volta mi può andar di culo.
 
(Ciao Gegge scherzo eh)

mercoledì 27 marzo 2013

Hipsters

Questo post avrebbe dovuto essere lunghissimo,
ma dopo aver visto questo

l'unica cosa che mi viene da dire è
un grande NO.

sabato 23 marzo 2013

E' sempre così

Adoro starmene in ferie dal lavoro e odio uscire il sabato sera.
Ma guarda un po' ieri lo sciopero dei mezzi mi ha bloccato a casa e oggi sono a secco di soldi.
Come per magia mi annoio a morte e non vorrei far altro che uscire.
Basta sempre dirmi che non posso far qualcosa, che subito sento la necessità di farla.
Detesto quando faccio la bastian contraria anche con me stessa.

giovedì 21 marzo 2013

Austerity

Ne ho piene le palle di questo periodo di spending review, e poi è arrivata la primavera, quindi ho deciso: venerdì esco.
Venerdì c'è sciopero.
Come non detto.

martedì 19 marzo 2013

Chiedo l'aiuto del pubblico

È da ieri che mi arrovello su un quesito, lo trasformerò quindi in sondaggio per lasciare che vi arrovelliate un po' anche voi:
Amiche, se voi foste sposate e vostro marito avesse un contratto a provvigioni e guadagnasse stipendi che a volte superano i sessantamilaeuro, andreste lo stesso a lavorare per portare a casa i vostri mille-milledue?

venerdì 15 marzo 2013

Central park

Central park è diventato davvero invivibile, secondo le serie americane.
In pratica come ti giri ti giri, tempo dieci secondi da quando sei entrato, inciampi subito in un cadavere.
Se è già passato un minuto e non hai ancora trovato un morto, mi spiace, ho brutte notizie: tra poco il morto sarai tu.
Ma se è una via di mezzo tra un cimitero a cielo aperto e un mattatoio perchè la gente continua ostinatamente ad andarci?
Perchè la gente ci gira ancora di notte?
E perchè non lo chiudono?
Perchè non lo bonificano una volta per tutte?
Invece di fermarsi ad un cadavere a puntata, già che son li, perchè non si guardano intorno e non lo ispezionano tutto?
Ma poi due telecamere, costan troppo?
Una guardia è fuori discussione?
Ma soprattutto perchè i supereroi li dentro non ci vanno mai?  Perdono i poteri? Non hanno giurisdizione?

Se siete stati a new york vi prego illuminatemi, non ci dormo la notte, giuro.

Con l'ultimo treno

Si, lo so, sono sempre la solita ritardataria.
Insomma non ho ancora detto la mia sul nuovo papa,
e direi che si, mi piace.
Capirai, piace praticamente a tutti. Proprio come gesù.
Quasi come mourinho.
Io il papa lo avrei voluto brasiliano, perchè secondo me, le processioni non sarebbero state più le stesse,
però mi posso accontentare, perchè anche Francesco non mi sembra musone.
Poi il nome mi piace.
Anche i francesco, come i giuseppe, son brave persone.
E menomale che han fatto in fretta,
così adesso quando mi mandano a farmi benedire so da chi devo andare.
E ci vado subito,
perchè mi sa che c'ho bisogno!



Il 15 Aprile

Tra esattamente un mese, dopo 22 anni di galera per aver trucidato i genitori, verrà liberato pietro maso.
Io spero tantissimo che non rimanga a vivere a Milano, perchè con il culo che ho nel trovarmi gli uomini, nella mia beatà inconsapevolezza, finisce che mi fidanzo.



domenica 10 marzo 2013

La doppia vita del caffè

Il caffè serve per rimanere svegli e su questo punto ci siamo.
Infatti durante la settimana se bevo caffè la sera poi dormo poco e male.
Non ne bevo, e ho risolto.
Nel weekend invece posso concedermelo, perchè tanto anche se faccio tardi, chissenefrega domani non si lavora.
Ed è qui che scatta il misterioso effetto caffè del weekend.
Analizziamo i fatti: 
ceno.
Faccio il caffe.
Lavo i piatti mentre aspetto che la temperatura del caffè arrivi ad un livello non ustionante.
Bevo il caffe, pregustandomi già la nottata-maratona.
Venti minuti e puntuale solo come il fisco e la morte ecco la botta di sonno.
Non mi spiego come succeda.
Non mi spiego come il caffè capisca che siccome è sabato può trasformarsi in camomilla.
Non mi spiego perchè durante la settimana resti invece travestito da caffè e faccia il suo dovere.
Ho il caffè bipolare?
Non chiamo la redazione di mistero solo perchè so già che mi costringerebbero a chiudere il post chiedendomi se è colpa degli alieni, 
ma forse varrebbe la pena fare un colpo di telefono ai nas.


Non sai cosa ti sei perso in tv 30 - Profiler

La pubblicità della nuova stagione di profiler, forse l'unica serie tv che non seguo, mi sconvolge.
Dice pressapoco così:
mio padre ha ucciso mia madre, ho perso un figlio, sono stata in coma, mio marito è morto, eppure sono ancora qui...
Ammazza un'ecatombe!
E' meglio star lontani direi.
Ed ecco spiegato il motivo per cui non seguo la serie: non voglio nemmeno immaginare cosa potrebbe succedere se la sfiga che porta la signorina profiler entrasse nell'orbita della sfiga che mi vanto di avere in dotazione.
Altro che la guerra dei mondi, altro che alien vs. predator, altre che the day after tomorrow.
Può essere che stia esagerando?
Certo.
Ma preferisco non verificare.



sabato 9 marzo 2013

Non sai cosa ti sei perso in tv 29 - Criminal minds

Mi piace criminal minds, adoro criminal minds, vivrei di criminal minds.
Almeno finchè non attacca con storie tipo: l' s.i. se la prende con donne bionde di circa trent'anni, oppure le vittime sono single e vivono sole o meglio ancora non è una normale influenza è un'epidemia, un attacco terroristico.
Ma oh!
La finiamo o no?
Finitela di farmi essere la vittima potenziale di ogni puntata,
che son stufa di aver paura di andare a fare pipì.

Gli incubi

Oggi pomeriggio ho avuto un incubo durante la pennichella.
E non ho capito se sia dovuto ai duemila farmaci di cui sono imbottita, al fatto che mi sia appisolata mentre guardavo una puntata di american horror story oppure più probabile perchè mentre dormivo in sottofondo c'era la fico a verissimo.

venerdì 8 marzo 2013

La festa della donna

Insomma mi pare di aver capito che il mondo si divida in due categorie: "festeggio" e "non festeggio" e via di polemiche tutto il giorno.
Io la faccio breve: mi piace essere donna, mi piacciono i fiori, mi piace essere festeggiata, quindi io dico si agli auguri e alle mimose, ma no a valsoia e agli uomini in perizoma.

E' stato facile

Delirio febbrile

La febbre è una di quelle malattie meravigliose che ti fa aver voglia di tutto ma che ti leva la fame, che trasforma la casa in una piccola farmacia, che ti fa odiare il fumo, che fa si che tu vada al lavoro e che tutti di dicano di tornartene a casa, che non ti fa sentire il gusto di quel poco che mangi, che ti fa odiare l'appuntamento col veterinario che di solito aspetti con ansia perchè è figo, che ti convince a guardare le repliche di er che male non può fare e poi in mezzo ai dottori ti senti già un po' meglio.
Ma soprattutto che ti fa pensare che hai la mente ovattata e scrivere in questi casi è davvero troppa fatica, e sforzarsi non ha senso perchè alla fine vengono fuori solo post inutili tipo questo.
Ma qui lo so che si premia l'impegno.


Le cose che odio 16

Stavo cercando un modo per spiegare quanto sono debole visto che ho la febbre alta, un racconto strappalacrime su quanto io povera tapina stia soffrendo e invece è arrivata la pubblicità dei topolino del parmareggio e ho pensato solo che il male del formaggio non sono i topi ma i pubblicitari, bisognerebbe nascondere in giro trappole anche per loro.

lunedì 4 marzo 2013

Viaggio serena


Adesso voglio proprio vedere chi ha il coraggio di sedersi vicino, o di chiedermi di spostare la borsa e la giacca o peggio di attaccare bottone.

sabato 2 marzo 2013

Il fioretto

Quest'anno come fioretto per la quaresima ho scelto lo shopping.
E ho scoperto, accompagnando mia sorella in rinascente a cercare scarpe e da bershka a cercare jeans, che la vita può fare davvero schifo.
E che il diavolo è ovunque.
E che il diavolo è tentatore.
E che il diavolo è una bionda alta che somiglia a mia sorella e ti guarda dal suo camerino con addosso i jeans nuovi e ti dice che sono fantastici, come se tu non potessi vederlo da te.
Ossignur che sacrificio!
A parte tutto diventare più morigerata con le spese non mi farà male.
Per quaranta giorni.
Poi però potrebbe uccidermi.


giovedì 28 febbraio 2013

La gente che mi piace

Le belle persone, quelle vere, quelle che piacciono a me hanno tutte una cosa in comune.
La matrice del nome.
Le belle persone sono i "giuseppe" declinati in mille modi.
Fateci caso, se ne conoscete qualcuno.
Se no andate sulla fiducia, che garantisco io per loro.

Vediamo un po':

- Joe bastianich: chi può dire che non sia una bella persona? Nel senso che è un bel bagai, e non si può negare. E poi io l'ho visto anche muoversi a compassione una volta. Mi pare. 
- Giuseppe: fidanzato della mia amicona L., è così un bravo ragazzo che non ti accorgi nemmeno che sia juventino. E che io vada d'accordo con uno juventino è un caso più unico che raro, quindi deve essere proprio buono!
- Giuseppina: secondo nome della mia mamma, menzione d'onore, solo perchè è lei.
- Giusy: cugina che nella vita ne ha passate talmente tante che probabilmente per scrivere sara lovely sara si sono ispirati a lei. Quando vedo che ora è felice e realizzata penso che a volte una giustizia c'è. 
- Josephine march: a volte penso che mi abbia dato l'imprinting. Donna forte ed emancipata, quando ancora e per un bel pezzo, le donne erano solo scialbe e remissive.
- Josè Mourinho: la caparbietà, l'intelligenza, la tattica, il cuore, la voglia, la passione e la figaggine, tutto racchiuso in un'unica persona. 
- Nonna Pina: nessuno mai arriverà ad insegnarmi tante cose quante me ne ha insegnate lei, neanche se vivessi altri cento anni. 
- Joseph ratzinger: un uomo che mi ricorderà sempre che in quanto umani, chiunque di noi è fallibile. Questo si che è un valore. Invece di strafare, è bene saper ammettere quando non se ne ha più. 

Ci vorrebbero molti più giuseppi al mondo,
ve lo dico io.



Spaesata

Masterchef è finito da una settimana e io non mi sono ancora rassegnata al fatto che abbia vinto Tiziana.
Per di più ha lasciato in me un senso di vuoto infinito.
Cioè, non proprio infinito, però lungo tutto il giovedì.
Adesso il giovedì è un giorno inutile.
Questa settimana almeno è mitigato dal fatto che c'è masterchef the movie.
Ma dalla prossima settimana cosa farò?
Cosa guarderò?
Che sarà di me?
Finirà che dovrò trovarmi un fidanzato per il giovedì?
Sto già delirando visto?

Davide contro Golia

Questo è un grande giorno per l’umanità
Oggi davide ha battuto golia.
Una piccola persona bionda oggi l’ha spuntata su una grande azienda, usando come armi solo l’orgoglio e la pazienza.
In pratica mi hanno riattivato what’s up dopo una settimana di blocco.
Olè

sabato 23 febbraio 2013

Vota

Che domani e lunedì ci siano le elezioni ormai lo sanno anche i sassi, spero che voi abbiate idee più chiare delle mie, ma se non è così fate una prova: ho trovato un test per vedere a chi politicamente si è più affini e ve lo linko:
 http://politiche2013.voisietequi.it/
Ora, a me non frega niente delle vostre preferenze, ma non voglio sentire dire " io non voto bla bla bla".
A votare si va e punto.
I miei nonni hanno lottato per dare a tutti la libertà di poter esprimere un parere,
non fate che io pensi che i miei si siano battuti invano che mi incazzo sul serio.

Questo è il massimo del servizio pubblico che posso fornirvi, per questa volta, mi rendo conto che se mi fossi candidata io sarebbe stato tutto più facile per tutti, ma ho altri pensieri ed è andata così, la prossima volta magari, chissà.

giovedì 21 febbraio 2013

Ogni scusa è buona

Sono così figa con i capelli nuovi che sembro persino più magra.
Quindi cenero' con un panino enorme e una quantità di patatine vergognosa,
non sia mai che diventi troppo smilza.

mercoledì 20 febbraio 2013

Faccio una fatica assurda

Al contrario di quello che si possa pensare, vorrei chiarire che non è facile dimostrarsi sempre all'altezza, sempre pronti, sempre sul pezzo, sempre svegli, sempre smart e velocissimi a cogliere citazioni o abbreviazioni.

Non è facile soprattutto quando si è bionde.



Lo spelling

Collega stordita: che belle le tue scarpe! Di che marca sono?
Qz: Serafini.
Cs: non ho capito.
Qz: serafini.
Cs: mai sentita. Le cerco su google, come si chiamano?
Qz: SE-RA-FI-NI
Cs: fammi lo spelling
Qz: ma sei sorda? Essedisavonaediempolierrediromaadianconaeffedifirenzeidiimolaennedinapoliidiimperia.
Cs: aspetta: quindi sera come sera e fini come fini, sottili?
Qz: si!
Cs: ah ma era facile! Perchè sei stata li a dirmi tutte quelle città che mi sono solo incasinata?!
Qz: Perchè mi hai chiesto lo spelling!
Cs: ma non è mica quello lo spelling....dovevi dirmi: sera come dopo il pomeriggio e fini come il politico, così capivo subito. Lo spelling serve per far capire!
Qz: ok adesso la marca ti è chiara. Già che sei su google cerca "spelling" và....

E' darwin che me lo chiede

Ieri stavo congratulandomi con il banale per il suo modo di rimanere zen nonostante le bimbeminkia che spesso commentano la sua bacheca di facebook.
Ho chiesto come fa, perchè voglio imparare anche io.
Mi ha risposto che lui usa l'indifferenza, che funziona parecchio.
Ho pensato che potrei provare anche io.

Ma poi ci ho riflettuto sopra, e io sono donna.
Quindi è innato in noi, me compresa, l'istinto di crocerossina, l'istinto materno, nasciamo programmate per l' "io ti salverò".
Dai, non può funzionare.
Io non posso essere indifferente, sono geneticamente portata a risolvere i problemi per poter portare avanti la mia specie.
Devo perciò rassegnarmi al fatto che lo sticazzismo non faccia per me.
Con quale cuore posso rimanere indifferente di fronte a queste povere ragazzine, un po' stupidelle, tanto idiote quanto ignoranti, che cercano in tutti i modi di farsi notare?
Non si può.
Io salvatrice della patria, non ignoro il problema, lo affronto.
Con un lanciafiamme.

martedì 12 febbraio 2013

Non puoi arrivare dappertutto

Non posso?
Ah principianti.
Io sono organizzatissima:
due programmi li registro, e poi ho una tv in camera, una in salotto e una comoda sedia in corridioio, equidistante da entrambe.
E ovviamente smartphone alla mano per twitter.

Diventerò scema, me lo sento.

Da che pulpito

È vero che io sto ascoltando gli 883 quindi non dovrei giudicare.
Ma il tizio in metro accanto a me ha selezionato sul suo lettore mp3 "cori antijuve".
E sta ascoltando tranquillamente tutta la traccia.
Ora, va bene tutto, io sono anche calcisticamente d'accordo, ma che cazzo fai amico?
Poi stasera sfoggi quello che hai imparato durante la partita?
Vedi che non capisci niente? Stasera inizia sanremo, canta qualcos'altro che questa non va bene.

lunedì 11 febbraio 2013

Io e Milano

Amo Milano perchè mi somiglia.
Così tanto, che spesso quando mi sento smarrita o confusa,
devo fermarmi un attimo per cercare di capire se mi sono persa tra le sue strade o tra i miei pensieri.

domenica 10 febbraio 2013

A mali estremi

Guardando "amore criminale" ho pensato che quando ti metti con qualcuno non hai nemmeno la minima idea di come diventerà quella persona una volta che non starete più insieme.
Momenti di poca lucidità ne abbiamo avuti tutti, soffrire è una merda, ma prima che lui perda la trebisonda fingete di perderla voi.
Partendo dal presupposto che chi mena per primo mena due volte,
e che all'interno di una coppia ci sono due persone e quindi se l'equilibrio s'incrina uno diventa vittima e l'altro carnefice, statisticamente non si diventa due carnefici o due vittime, la mia soluzione è diventare voi la cattiva prima che lo diventi lui, a nessuno viene voglia di prendersela con chi è più cattivo, a nessuno viene voglia di stressare una che ti sta appiccicata come una cozza, e anche uno psicopatico capisce che non ha senso fare cinquecento telefonate a una che ti pedina.
Braccatelo voi per prime.
Anche se vi sembra una brava persona, al minimo sentore, non fategli neanche venire il dubbio di potersi permettere di fare lo stronzo.
E' meglio un ex che dice che siete delle pazze furiose e vi sta alla larga, piuttosto che un ex che fa le poste sotto casa.
Siate psicopatiche.
(Io con questo post sto già facendo la mia parte).




sabato 9 febbraio 2013

L'acqua è il mio elemento

Ho sempre sognato di avere una casa con piscina.
Probabilmente è per questo motivo che ogni volta che lavo i piatti nasce in me l'esigenza di ricrearne una in cucina.

Questo post avrei potuto scriverlo anche così:

Ho sempre sognato di vivere al mare.
Probabilmente è per questo motivo che ogni volta che lavo i pavimenti poi devo stare ferma sei ore nello stesso angolo perchè in terra ci sono due o tre dita d'acqua.

O anche così:

Mi è sempre piaciuto andare in gita al lago.
Probabilmente è per questo motivo che ne ricreo uno in bagno dopo ogni doccia.

E' un attimo

A volte la vita è fantastica, un susseguirsi di eventi positivi, vero signor studio illegale?
Hai un lavoro che ti piace, che ti porta a conoscere la persona giusta per te, racconti tutto quello che ti succede in un blog, così per sfogarti, cazzeggiare come facciamo tutti insomma, però tu sei bravo e il tuo blog diventa un libro, e il tuo libro diventa un film, e tu pensi che la vita è fantastica ma davvero.
Hai inanellato una serie di successi, sei un grande, ce l'hai fatta.

Ma è un attimo.
E ti si ritorce tutto contro:
hanno scelto fabio volo per interpretarti.
E gli fanno crescere i baffetti.
E indossa un dolcevita bianco.

L'universo è tornato in equilibrio.
Ma è grazie a questa sfiga che ti sei guadagnato la mia stima.



venerdì 8 febbraio 2013

Tutto ciò che ho

Ho un divanto comodo,
e un milione di sigarette,
ho un telefono e amici pettegoli,
una puntata di glee da vedere,
ho la libertà di far tardi perchè domani non si lavora,
e ho un cupcakes cioccolato e fragola.

Ho tutto.



Post scriptum: ho anche le briciole nella maglietta.

L'euforia del venerdì

Dopo l'ira del lunedì ci voleva.
Il venerdì è decisamente il mio giorno preferito.
Rido, sorrido, canto.
Anche mentre faccio i mestieri.

A proposito per eventuali programmi o inviti datevi una mossa perché tra esattamente dieci secondi appoggero' il culo sul divano e sarà già troppo tardi.

Riti

Ho poche certezze nella vita.
Un paio però sono queste: la domenica sera si ascolta "weekend" e il venerdi sera invece "rotta per casa di dio".
Yeah

Teorema

La verità è che alla fine più sei stronza più le persone ti si accollano.
Si appiccicano proprio.
E visto quanto amo avere gente intorno, menomale che sono una brava persona.
Se no avrei orde di rompicoglioni alle calcagna.
Siccome nel mio piccolo qualcuno già lo annovero,
ambisco a diventare ancora più buona.
Tiè.

giovedì 7 febbraio 2013

Donne moderne

Oggi mi è stato proposto di avere un trombamico.
Rifiuto l'offerta e vado avanti.
Vado avanti a spiegare come la penso riguardo ai trombamici.
A parte che a 30 mi fa ridere anche la parola "trombamico".
E' veramente squallido sentire persone che dicono robe tipo "no stasera non posso, vedo il mio trombamico", tesori, la vostra vita sessuale non mi interessa, quindi già "vedo un amico" basterebbe, secondo me.
MA FIGURIAMOCI.
Avere un trombamico è uno status, la parola viene buttata li con nonchalance ma se uno infila la parola trombamico in una frase è solo per fare il figo e per dimostrare che "ehi sono una donna moderna posso andare a letto con qualcuno senza mettere in mezzo i sentimenti"....(di solito fino alla prima sindrome premestruale, ma questo è un altro discorso).
E che cazzo di libertà è quella in cui ti becchi l'impegno di andare a letto diverse volte con lo stesso partner ma non hai i pochi lati positivi di una relazione?
Non capisco.
Mi pare facile: se vuoi una relazione esci con qualcuno, se non vuoi impegni non stai con nessuno.
In questo tipo di relazione invece vai a letto con la stessa persona n. volte continuate nel tempo, ma nessun impegno.
Ma non è un impegno, prendere appuntamenti, accordarsi, e decidere che questo tizio lo frequenterai, a letto ma lo frequenterai, nel tempo?
Per non parlare del fatto che ste storielle finiscono sempre o con pianti a dirotto o con un fidanzamento, altro che senza sentimenti.
Alla fine la maggior parte delle donne che ha un trombamico si sta solo accontentando, se lo fanno andar bene e bon.
Ah no scusa signora donna moderna, tu vuoi farmi credere che lo fai solo perchè anche tu hai dei bisogni, eh certo.
E allora che bisogno hai di richiamare proprio quello li?
Trovatene uno diverso ogni volta che ti va, così davvero non hai impegni e non ti affezioni.
Ah no, un conto è fare le moderne, un conto è fare zoccole, beh certo.
Quindi libere ma fino ad un certo punto.
E io che pensavo che libertà significasse non avere limite alcuno.
L'ho anche letto sul dizionario.

Però oh, ognuno può fare come crede e se vi piace raccontarvela, accomodatevi.
In questo caso siete davvero libere di farlo.


Gita a Body Worlds


Ok ero convinta di volerci andare.
Già ci son rimasta male che nessuno mi vuole accompagnare, e da sola in mezzo ai cadaveri non mi sento a mio agio di solito.
Per di più un collega dice che ha assistito a delle scene raccapriccianti di gente che si è sentita male.
Poi ha detto che scherzava, ma ora il dubbio ce l’ho.
LordK dice che a lui non è piaciuta e c’era puzza di morto.
Però a Roma ad agosto e l’aria condizionata non funzionava...
Ci ho riflettuto così tanto che questa notte la mia mente ha scritto, diretto e mi ha fatto interpretare un film assurdo nel quale chi va a vedere la mostra in una città, ne diventa protagonista nella città successiva del tour.
Ho una mente fervida.
Malata, ma fervida.
E vedo anche troppa tv, evidentemente.
In ogni caso adesso sono dubbiosa.
Che faccio?
Vado o non vado?

lunedì 4 febbraio 2013

Ma saluta imbranata

Quando un ragazzo giovane, non tanto alto, ma carino e con gli occhi azzurri, ti guarda, ti riguarda e ti dice "ciao" è bene rispondere con un ciao.
È meglio che guardarlo come se fosse pazzo o scemo, o con l'espressione vacua di chi è stato colto alla sprovvista e siccome non sa cosa dire risponde " sorry i don't speak italian".
Davvero, fidatevi, è meglio un ciao.

True story.

C'è poco da ridere

Ma come stai beneeee
Grazie!
Sembri una cavallerizza.
Si, esatto. Mi sono ispirata proprio a quello...
Ma come mai?
È presto detto. Quanto ha fatto la mia squadra ieri?
Ha perso tre a uno con l'ultima in classifica. Ma cosa c'entra?
C'entra perché a questo punto meglio darsi all'ippica.

domenica 3 febbraio 2013

Non sai cosa ti sei perso in tv 28 - law and order svu

Mi piace tanto law and order svu.
Ma il fatto che la descrizione delle vittime nel 90% delle puntate sia:
"donna, bianca, trent'anni"
non è che mi faccia piacere.
E le ventenni? E le quarantenni? 
E le nere? Le asiatiche? Le ispaniche?
E gli uomini?
La criminalità a ny è davvero razzista.


sabato 2 febbraio 2013

La raccomandata

Trovo nella cassetta della posta un bigliettino del portinaio che mi avvisa di aver ritirato una raccomandata per me.
L'ansia.
L'angoscia.
L'oblio.
Le raccomandate non portano mai buone notizie.
E inizio a rimuginare.
Cosa può essere?
Non ho la macchina quindi non è una multa.
O forse è una multa ma per qualcos'altro,  tipo l'immondizia, magari ho sbagliato qualcosa, oppure è la rai che mi cerca.
Oddio non sarà mica un licenziamento a sorpresa. Panico.
Una lettera di richiamo? No dai, no.
Una convocazione per un processo?
Un mandato di comparizione?
Un avviso di garanzia?
Ossignore, ma io ho la fedina penale pulita e non ho fatto niente, dov'è che vado a prenderla tutta sta coda di paglia?!

Telefono a tutti per vedere se hanno qualche testimonianza di raccomandate che portavano bene.
Nessuno.

Penso che dovrei scrivere un post per vedere se qualcuno di voi ha qualche idea a riguardo.

E mentre sto scrivendo il lampo di genio: la scheda elettorale!
Certo!
Voglio pensare che sia quello.
Devo concentrarmi e pensare positivo.
Ma a chi la racconto?!
Quando mai mi è andata bene.

Stamattina il portinaio apre alle 7.30.
Alle 7.32 busso.
Buongiorno!
Sono qui per la raccomandata!
Ah prego, venga, è la scheda elettorale.

SIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

Che sospirone di sollievo

venerdì 1 febbraio 2013

Le elezioni

Non ci sono opzioni plausibili, un po' anche per colpa mia che non mi sono candidata.
Non c'è un personaggio politico che sia migliore degli altri due.
Bisogna pensare al meno peggio, ma è una dura lotta e non so gli altri ma io sono proprio in alto mare.
Per spiegarmi meglio, mi sento come quando si gioca milan-juve, dove non riesci a decidere chi preferisci che perda perchè vorresti vederle perdere entrambe.
Ma non si può.
E quindi speri che si risolva tutto con una bomba.
(Va beh è un po' drastico, ma è pour parler).
E alla fine della partita sei un po' felice perchè una delle due ha perso, ma infinitamente più triste perchè l'altra ha vinto.
E con un pugno di mosche in mano pensi che hai perso un po' anche tu.

Beata gioventù

Mi sono appena ricordata per quale motivo non parto mai cosi presto per andare in ufficio: per evitare la gioventù che va a scuola.
Annoveriamo oggi su una sola linea di bus i seguenti esemplari:
- il piccoletto che urla perché è basso e in qualche modo deve farsi notare;
- mister "una parola quattro porconi" che pensa che bestemmiare lo renda figo;
- il superbrufoloso;
- quella che è certa di essere interrogata oggi ed è nel panico quindi mette ansia a tutti, anche a me, e io non ho neanche ripassato ieri sera cazzo;
- la fotomodella: ha quasi quindici anni  ed è alta uno e settanta, pesa 35 kg bagnata, ed ha dei capelli che ciao. Sono tentata di dirle che prima o poi invecchiera' anche lei infrangendo tutte le sue certezze ma rimango imbambolata quando per sbaglio si volta verso di me;
- tre bimbiminkia con la musica a tutto volume che spingono due bimbeminkia perché chi disprezza compra.

Immancabili: leggings invece dei pantaloni, a profusione, come se non ci fosse un domani, ma soprattutto come se non ci fossero le maximaglie.

Che bella età.

Però basta far casino adesso eh.

giovedì 31 gennaio 2013

Esulto, ma quasi impercettibilmente

Ho vinto la mia prima partita contro un degno avversario campione a ruzzle.
Festeggio la vittoria  in modo pacato, discreto, oserei dire dimesso, e comunque mai sfacciato.

E cioè urlandogli nel telefono "we are the champions", con tanto di base musicale.

Così, per non farla pesare.


Il sogno di tutti

Dedicherò questo weekend ai blog che seguo.
È da tanto che non mi faccio i cavoli vostri, che non lascio commenti, che non mi aggiorno su quello che vi succede, è ora di recuperare.
L'idea è quella di aggiornare la lista dei blog che followo.
Quindi se siete come mia mamma fatevi prendere dal panico e mettete in ordine, fate le pulizie in anticipo e urlate istericamente "moriremo tutti".
Oppure chiudete il blog e che si fotta la Queen zit.
Oppure niente, che non è una visita ispettiva dell' asl, ne' dei nas, vengo solo a salutare e a dire due cazzate, come al solito.
Anche se....
Vuoi mettere entrare nella meravigliosa lista dei miei preferiti?!
Secondo me è il sogno di tutti.
Io, per esempio, impazzirei dalla gioia.

mercoledì 30 gennaio 2013

Queen ghir

Non chiamate chi l'ha visto.
Son qui.
Va tutto bene, sono armata di scatolone di chiacchiere, a guardare la tv.
E' solo che sono in letargo.
Tipo ghiro

lunedì 28 gennaio 2013

L'ira del lunedì

Tu che te ne stai allegramente in mezzo ai coglioni, davanti alle porte di entrata e uscita bloccando il passaggio a chiunque, ma soprattutto il mio, che se chiedo permesso ci metti sei ore a tirarti fuori dal cazzo così qualcuno fa in tempo a sedersi al posto che avevo visto io, costringendomi a stare in piedi per tutte e dieci le fermate.
Tu.
Cerchi la morte?
Perchè io vorrei davvero accontentarti.
Perchè io prima o poi un altro posto per sedermi lo trovo, tu sai chi incontrerai presto?
La mia ira del lunedì.
E non sarà un bel momento.


Autista per favore, perchè non andiamo più piano,
che non sono ancora nervosa abbastanza?


Ah signora volevo dirle che quando si scende dalla metropolitana, il libro lo deve mettere via.
Che se legge mentre cammina mi è d'intarlcio.
Oggi ne ho per tutti, se vuole favorire.

giovedì 24 gennaio 2013

Le cose che abbiamo in comune

Ho scoperto che io e belen abbiamo una cosa in comune.
E chi l'avrebbe mai detto?!
E cosa è?
Non lo dirò mai.
Al massimo darò un indizio: è una specie di sindrome.
Si può cercare di indovinare.
In palio ricchi premi e cotillon.
Forse solo cotillon.
Forse, quando scopro cosa sono i cotillon, manco quelli.
(Ho googlato)
In palio c'è giusto la gloria di esser vincitori.

Chi è stato, di grazia?

Copio così come è:






Manca solo:
sei trendy? sei cool? sei up to date?
Ma anche un po' sei cretino?
Chi le scrive ste robe?!
E' grazia.it eh, il suo pubblico non ha 19 anni, e non è che travestirsi da cioè aiuti a svecchiare e risulti meno patetico.

Eddai su.
Per cortesia.

mercoledì 23 gennaio 2013

AAA scambio

Racconti su vecchie puntate di beautiful: nozioni su nomi, matrimoni, frasi memorabili, ricordi di fatti strani, tempistiche, studio sulla differente velocità di crescita dei figli, gravidanze di brooke, morti, quasi morti, morti che risorgono, anche più di una volta, aneddoti su nascite, storie d'amore e chicche su intrallazzi, tramini, approfondimenti su come si evitano gli incesti, apparizioni, chi è figlio di chi e come se ne viene a conoscenza solo cinquant'anni dopo, e soprattutto uno speciale su come captare da uno sguardo o da una canzone quello che sta per succedere che vi frutterà un master in dietrologia.
Scambio con: qualcuno che mi racconti tutto ma proprio tutto su un posto al sole, che sono diventata curiosa.

Filosofia e argomenti profondi, oggi, in casa zit.

Mi autodenuncio

Non posso più nasconderlo.
Non posso più fare finta di niente.
Non posso più negare l'evidenza.
Purtroppo devo ammetterlo:
mio malgrado, sono una donna da sposare.
Per quattro ottimi motivi.
Questi:


lunedì 21 gennaio 2013

Senza via di scampo

Nelle serie americane funziona cosi:
se sei una ballerina o uno sportivo alla prima cazzata saluta la colonna vertebrale che è bella che andata.
Se sei un giocatore di rugby o football tante care cose al tuo ginocchio perché al primo tamponamento in auto te lo giochi e fine della carriera.
Se fai il chirurgo mettila come vuoi ma se cade un aereo, qualcuno ti spara, scivoli su una buccia di banana ti rompi sicuro la mano, solo quella. Solo quella che usi per operare però.
Se sei medico del pronto soccorso e devi essere sempre pronto, sveglio e all'erta tumore al cervello senza se e senza ma.
Se ti trovi in fuga dagli zombie in uno scenario post apocalittico partorire partorisci ma chissà perché c'è sempre quella complicazione che ops muori.
Se sei innamorato tanto che ti scoppia il cuore,  può andar tutto bene?! No! Ti scoppia proprio il cuore. Nel senso di infarto.
Se sei una cantante basterà farti venire l'influenza per far fuori le corde vocali, se proprio non regge arriva la strega che ti ruba la voce e in un attimo sei muta.
Insomma ti colpiscono proprio nella parte fondamentale, quella che ti definisce, quella che ti fa felice perché ti realizza, quella che usi sempre, che ti dà da mangiare, che è la più importante per te.
Tu la scegli e loro ti infrangono tutti i sogni.

Quindi se tanto mi dà tanto la mia tragedia sarebbe questa:
dopo un incidente mi risveglierei in un mondo dove non esitono più i colpi di sole. Aboliti. Estinti. Vietati e senza modo di reperirli al mercato nero, che si chiamerebbe mercato biondo, giusto per chiarire fino a che punto siano proibiti.

Bastardi


Quello che so su masterchef

È vero che pur di farmi notare da cracco mi impanerei volentieri.
È vero anche che bastianic me lo sogno ogni notte.
È vero anche che mi urla contro, nel sogno.
È vero che un veterinario biondo con gli occhi chiari è un ottimo motivo per guardare il programma.
È vero che tiziana è odiosa.
È vero che ivan parla una lingua che non comprendo.
È vero che chi studia psicologia mi da spesso seri dubbi riguardo alla sua stabilità mentale.
È vero che sudare fa bene ma non mentre cucini il mio piatto.
È vero che volevi cucinare proprio quella roba li?!
È vero che sto guardando un programma di cucina? Perché mi pareva un porno.
È vero che barbieri mi sta sulle palle come solo conte.
È vero che le casalinghe cucinano meglio delle ragazzine che si credono un po' stocazzo.
È vero che se ci fosse stata maria de filippi suien avrebbe vinto a mani basse.
È vero che andrea: la tua autostima è peggio della mia.
È vero che non credevo che qualcuno potesse battere i meravigliosi insulti del mio gordon.
È vero soprattutto che dovevo svegliarmi prima perché è vero che il programma è figo.

giovedì 17 gennaio 2013

Ah ecco cos' era!

Il programma due!
Me lo sono ricordato!
Voglio andare al cinema a vedere django.

Ora posso anche cenare, sono più tranquilla.

Un sacco di programmi per la prossima settimana

Due.
Che comunque son già tanti per me che di solito ne ho una solo, cioè non fare niente.

Programma 1
Mostra in triennale di Dracula.
Che para una cazzata e invece secondo me lo è proprio. Ma sono curiosa. E quindi entro il 24 marzo ci devo andare.
Anche perché questo week end conto di fare una maratona true blood, quindi resto in tema, o quasi.

Programma 2
L'ho scordato mentre scrivevo il programma 1, porcocane, dovevo scrivere più velocemente.


Tunnel nuovo

Non è che non sono ispirata è che ho un nuovo trip: criminal minds.
E visto come è andata con casalinghe disperate immagino che adesso entrerò in fissa con l'idea che con un po' di brain storming a caso con qualche amico, potrò entrare nella mente di tutti e prevedere le prossime mosse di ogni persona che incrocio per la strada.
Anche la tua.
E la tua.
E la tua.

domenica 13 gennaio 2013

Test drive

AmicaF: ...senti è da un po' che voglio chiedertelo: ma tu proprio non guidi?
Qz: tendenzialmente no
AmicaF: ma la macchina proprio non hai mai sentito il desiderio di averla?
Qz: no. Da quando sono a milano poi men che meno
AmicaF: ma nemmeno per la spesa? O uscire la sera?
Qz: no. A parte che la spesa con 3,80 € me la portano a casa, ma poi...sai il parcheggio...
AmicaF: si beh a milano è dura trovarne...tranne sotto casa tua.
Qz: no ma è che è proprio troppo sbattimento parcheggiare
AmicaF: e per uscire?
Qz: esco poco e se l'unica volta che esco non posso bere perché devo guidare allora sto a casa
AmicaF: ma ci sono così tanti controlli in città la sera?
Qz: no, non è per i controlli. È proprio che se bevo non sono in grado di camminare, figurati come guido
AmicaF: però la patente ce l'hai, quindi se ti do' la macchina sai guidare no?
Qz: col cambio automatico sarebbe meglio...però si. Ma non se devo partire in salita, immettermi in autostrada, cambiare corsia, prendere una rotonda, ripartire al semaforo che appunto con le marce ho problemi e parcheggiare....
AmicaF: passi il resto ma sto problema del parcheggio insomma...non va bene...non è che possiamo girare finché la benzina è finita ogni volta...e poi se siamo arrivate da qualche parte non trovo piacevole scendere dall'auto in corsa
Qz: a parte che si spegnerebbe ad ogni semaforo quindi puoi scendere quando vuoi...il problema col parcheggio non è che non mi va di fermarmi, è che una volta arrivata io preferirei lasciare la macchina li dov'è e scendere, senza troppe manovre. Lo trovo più comodo e meno faticoso.
E poi c'è gente che ama guidare e gente che preferisce cazzeggiare, io preferisco fare la passeggera.
AmicaF: infatti a me piace guidare, sono molto piu tranquilla e rilassata se guido io...
Qz: perfetto! Ci compensiamo.
AmicaF: è vero! Ci incastriamo alla perfezione
Qz: ma scusa perché mi hai fatto tutte ste domande? Hai bisogno di qualcosa?
AmicaF: cosi! Volevo vedere se  eravamo in sintonia!
Qz: non mentire! Stai facendo il test di cosmopolitan sulle migliori amiche!
AmicaF: ehm....
Qz: lo sapevo! Si ma dopo due ore di interrogatorio dimmi che risultato è uscito
AmicaF: ancora niente...questa era solo la prima domanda

sabato 12 gennaio 2013

Lo faccio per voi

Casualità vuole che proprio appena finita l'ultima puntata dell'ultima stagione di casalinghe disperate io mi sia sintonizzata su real time.
Giusto in tempo per scoprire che sabato prossimo alle 23.05 inizierà una nuova serie chiamata "incidenti di bellezza".
Siccome già me lo sento che sarà un capolavoro vi avviso così non lo perderete nemmeno voi.
Tra l'altro è di sabato,  giorno in cui è notorio che in giro ci siano solo ragazzini e disperati, quindi direi scelta perfetta.
Io mi chiedo come si possa anche solo pensare di avere una vita sociale quando invece si possono avere programmi del genere.
Mi raccomando guardiamolo tutti che poi interrogo organizzero' una serata di discussione a riguardo.

venerdì 11 gennaio 2013

Buon compleanno. ..seeee buonanotte!

Quante volte l'ho detto io che non ho istinto materno?
Che per certe cose non sono portata? Tipo l'amore materno, per esempio?
Che sarei di certo una madre degenere e sconsiderata?
E avevo ragione!
Il giorno otto la mia creatura, il blog, ha compiuto il suo primo compleanno e io me ne sono dimenticata.
Neanche la franzoni e' una madre tanto snaturata al mio cospetto.
Porco cazzo.
Comunque ho un gran sesto senso: infatti quella sera ero fuori a divertirmi.
Qualche brindisi l'ho fatto.
Per quanto possa valere....

lunedì 7 gennaio 2013

Invito

Qualcuno è già stato contattato,  ma ora facciamo l'invito ufficiale: giovedi sera verso le 19.30, un numero indefinito di bloggers si riunisce per bere un aperitivo e dare il benvenuto a Gegge di pensieriecassate@blogspot.it che si è trasferito a Milano.
Se abitate a Milano o lavorate a Milano o passate per caso a Milano o limitrofi è imperativo partecipare: un po' perché Gegge e' un grande e un po' perché lo dico.
Per il posto c'è ancora un pochino di indecisione, ma una volta che avrò il numero definitivo sono certa che avrò un'illuminazione e qualcosa salterà fuori.
Scrivete a me via email o su twitter, o a Gegge e fateci sapere.
Allora chi viene?

domenica 6 gennaio 2013

Luna storta

Ore 12.00 Mi sveglio
Ore 12.02 Pipi'
Ore 12.03 Preparo il caffè
Ore 12.04 Infilo la maglia dell'inter
Ore 12.06 Do' da mangiare alle bestiole
Ore 12.07 Bevo il caffè
Ore 12.08 Sigaretta
Ore 12.10 Paolo Fox arriva su rai due per    
                  l'oroscopo della settimana
Ore 12.12 Ultimo posto in classifica: cancro.
                  È il mio segno
Ore 12.14 Penultimo posto in classifica:
                  acquario.
                  È il mio ascendente.
Ore 12.16 Realizzo che oggi mi dice male
Ore 12.17 Torno a letto


Devo dormirci su

E quindi è ricominciato il campionato e io con le telecronache sono indietro come la coda del porco?!
E adesso che cazzo mi invento?


Preoccupiamoci

E comunque non posso credere che questa sia l'ultima notte in cui posso fare tardi.
Sono già finite le vacanze?
Dovrò anche io allinearmi agli usi e costumi delle mie coetanee e trovarmi un marito ricco, per fare vacanza tutto l'anno.

Devo smettere di guardare sta serie.
Mi sto immedesimando troppo.

I capricci

Ok sono lagnosa, stasera faccio anche i capricci.
Perché voglio le frittelle.
Sento proprio la necessità di mangiare le frittelle, ma guarda un po', mi manca del tutto la voglia di farmele.
Perché non esiste un frittellaro che consegni a domicilio in questa meravigliosa città?!
Possibile che non ci abbia pensato nessuno?
Questo è un business da milioni di euro, come mai ancora nessuno si è lanciato?!
Va beh io l'idea l'ho lanciata, che qualcuno cerchi un finanziatore e dei fornitori e poi mi contatti che ci accordiamo per i dividendi.

venerdì 4 gennaio 2013

Caro diario

Caro diario,
da quando sono in maratona desperate housewives la mia vita è cambiata.
Cucino, pulisco e se ogni due puntate non riordino qualcosa mi sento in colpa.
Ormai le lavatrici fatte non si contano più, e sono diventata cintura nera di panni stesi, ritirati, e ordinati nell'armadio.
Ieri sera dopo aver fatto i mestieri, ho messo il dvd e mentre guardavo un episodio mi sono ritrovata a piegare mutande e calzini.
Il brutto è che mi è sembrato rilassante.
Sta mattina ho messo su il caffè e mentre aspettavo ho spolverato.
Ora però mi hanno ucciso edie brit e sono triste.
Quindi mi darò all'alcoolismo.
Proprio come una vera casalinga disperata.
Non sono ancora arrivata al livello vodka + tranquillanti,  ma per quello credo serva avere un marito.

giovedì 3 gennaio 2013

Forse mi sono lasciata trasportare dall'entusiasmo

Ho fatto la spesa e ho un pochino esagerato.
Quindi per non buttare niente nei prossimi giorni mi troverò a dover cucinare:
- sugo
- gnocchi alla sorrentina
- pasta al forno pesto e besciamelle
- pizza
- pasta fresca al sugo di scampi
- frittata
- pancakes
- cupcakes
(c'erano le uova in offerta, si nota?)
- risotto ai funghi
- suppli' con il riso avanzato
- bistecca con contorno di verdura mista
- peperoni e zucchine ripiene
- patate al forno
- patate saltate
(anche le patate erano in offerta)
- fritto misto
- zuppa di ceci e scampi
- passato di verdura
- pasta e fagioli
- panini al prosciutto
- tigelle formaggio e bresaola.

Ma come cazzo mi è venuto in mente di comprare così tante cose?!
La spesa online non è stata una grande idea, insomma mi sono lasciata un pochino prendere la mano....
Bisogna cominciare subito a cucinare però adesso.
Magari se inizio ora, per marzo riuscirò ad avere due minuti per aggiornare il blog.

L'impegno

Io faccio solo un buon proposito e non per quest'anno, ma per oggi.
Ecco oggi mollo il cellulare per dedicarmi alle cose davvero importanti.
Oggi c'è il sole, è una bella giornata e voglio godermela.
Quindi ho deciso:
finalmente finirò di vedere desperate housewives.


mercoledì 2 gennaio 2013

I cambiamenti

Mi son svegliata presto per andare a fare la spesa.
Mi sono messa addosso le prime cose che ho trovato per scendere al volo e non pensarci più.
Solo una volta in ascensore mi sono accorta che fuori pioveva.
Quindi rientra in casa e cambiati.
Ri-esci, riprendi l'ascensore e riscendi.
Ah ma guarda c'è un sacco di gente davanti all'entrata, chissà perché?
Ah ecco aprono alle 15 per inventario.
Che fortunella.
Quindi il destino mi sta dicendo che questo sarà un anno di cambiamento e da qualcosa bisogna pure iniziare.
Io ho iniziato dalla spesa online.
Una cosa che non cambierà invece sarà il livello della mia accidia.

È doveroso

Apriamo subito l'anno in bellezza con un post che parla di niente, perché sono stanca ho sonno e l'unico neurone sopravvissuto al veglione di capodanno oggi ha preso un giorno di ferie.
Ho però sentito il dovere morale di venire qui a sproloquiare per aprire l'anno nuovo.
Non sia mai che perda occasione di sparare cazzate.
E quindi auguro, again, un felice anno nuovo ma soprattutto mi auguro domani di riuscire a mettere insieme due parole che abbiano senso compiuto.